seguici su

Periodico web e cartaceo dell'Artigianato, del Commercio e della Piccola Industria

Gennaio - febbraio 2019

Fondato nel 1946

Attualità

Cartelle esattoriali, arriva l’ultimo treno

Saldo e stralcio entro aprile solo se in gravi difficoltà economiche

Arriva la definizione agevolata delle cartelle che riduce l’importo da pagare del 16%, 20% o 35%, ma solo per chi dimostra di essere in grave difficoltà economica: persone fisiche con Isee del nucleo familiare non superiore a 20 mila euro. A stabilirlo è la legge di Bilancio 2019 con la norma nota come «Saldo e Stralcio» che favorisce i contribuenti in gravi difficoltà economiche che non hanno potuto pagare: a) i debiti derivanti dalle dichiarazioni annuali (redditi, Iva e Irap) e dai controlli automatizzati dell’Agenzia delle Entrate; b) i debiti derivanti da contributi Inps per artigiani e commercianti, o da contributi dovuti alle casse previdenziali professionali. In entrambe le casistiche si deve trattare di somme dovute allo Stato risultanti da carichi affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.

 

Deve sempre trattarsi di debiti per imposte e contributi dovuti in relazione a redditi regolarmente dichiarati. Gli interessati potranno così estinguere i debiti senza corrispondere le sanzioni, gli interessi di mora, e pagando solo una percentuale del debito che va dal 16% al 35% in base al valore Isee, più oneri e aggio dell’agente della riscossione. Vi possono accedere anche coloro che sono decaduti dalla cosiddetta «Rottamazione dei ruoli». I soggetti interessati possono presentare all’Agenzia delle entrate-Riscossioni, entro il 30 aprile 2019, una specifica dichiarazione con tanto di Isee con indicazione dei debiti che intendono definire e le modalità di versamento. Per ulteriori informazioni: www.agenziaentrateriscossione.gov.it

Cookie Policy - CNA Editrice Srl, via Millio 26 - 10141 Torino | P.iva 07651210010 | Scrivi alla redazione  editrice@corriereartigiano.it